Scienziate del novecento
la ricerca nell’ombra

Sara Sesti

 



Nel 1867 l'École Polytecnique di Zurigo aprì le sue porte alle studentesse: per la prima volta, dopo secoli di ostracismo, le donne avevano accesso allo studio delle materie scientifiche all'interno di un ateneo. A distanza di quasi centocinquant'anni, e in un quadro di riferimento molto diverso, il rapporto fra donne e scienza continua a presentare forti chiaroscuri: a tutt'oggi le scienziate insignite del Nobel sono infatti appena undici e il numero di donne che rivestono ruoli di rilievo nella ricerca rimane esiguo, malgrado gli ottimi risultati delle studentesse nelle facoltà scientifiche e la consistente presenza femminile in molti laboratori.

Apparentemente bizzarra, la definizione di «Nobel negati» fa riferimento ad alcune scienziate che, pur avendo preso parte a progetti premiati con il celebre riconoscimento, furono penalizzate