Vedere la Scienza - Sguardi sulle donne di scienza

Progetto coordinato da Sara Sesti


 

Introduzione e programma

Le donne e la scienza sembrano procedere su cammini distanti: le scienziate insignite del premio Nobel sono solo undici in più di un secolo; il numero di donne cui vengono affidati ruoli di rilievo nella ricerca e nelle istituzioni è molto esiguo, malgrado da anni gli istituti scientifici delle università registrino una massiccia presenza femminile. Come spiegare questo paradosso?
Le donne non amano la scienza? La scienza non si adatta alle donne? Le vite delle scienziate sembrano dimostrare, fin dall'antichità, che è vero il contrario e che probabilmente sarebbe più corretto chiedersi per- ch?a conoscenza e la pratica scientifica abbiano così a lungo e apertamente escluso il pensiero femminile.

Il Progetto parte da questi presupposti. Emanazione della ormai decennale rassegna di film e documentari scientifici Vedere lo Scienza, che annualmente propone in diverse città d'Italia sessioni di proiezioni scientifiche, Sguardi sulle donne di scienza offre la possibilità di proiettare, in contesti quali congressi e simposi, filmati scientifici incentrati sulla figura di donne scienziate e sul ruolo della donna nella ricerca e pratica scientifica. Le proiezione di filmati sulle biografie di alcune scienziate come Vandana Shiva, Mileva Maric-Einstein, Rosalind Franklin, Marie ed Irène Curie, Rita Levi Montalcini, può costituire un momento di riflessione e contribuire a interrogarsi su stereotipi e pregiudizi che sovente hanno un ruolo non secondario nelle scelte di uomini e donne.

FILM SELEZIONATI

La Moglie di Einstein
Autore, produttore: Geraldine Hilton; Regia: Nicola Woolmington
Produzione: ABC, Australia 2004, 55 min


Mileva Maric e Albert Einstein


E se la prima signora Einstein fosse stata un genio al pari del marito? Nel documentario dedicata a Mileva Maric, moglie del fisico di Ulm per sedici anni, l'icona di un Einstein mite e ironico rischia dawero di entrare in crisi: da personaggio in prossimità della santificazione mediatica, Einstein emerge qui come marito egoista e ingrata, debitore dal punto di vista scientifico alla moglie, che divise con lui i momenti cruciali della formulazione della teoria della relatività.

 

Il segreto della foto 51
Autore, regia Gary Glassman. Produzione NOVA, Stati Uniti 2003, 50 min


Rosalind Franklin


Nel 1953, sulla rivista scientifica Nature, un articolo di James Watson e Francis Crick rivela la sensazionale scoperta della struttura del DNA per cui riceveranno il Nobel nel 1962 con Maurice Wilkins. Del tutto trascurato rimane l'essenziale contributo fornito da Rosalind Franklin, biologa molecolare e cristollografa, che con la sua foto 51 fornì le prove sperimentali della doppia elica. Questo documentorio svela i retroscena della scoperta, con l'intento di colmare il lungo silenzio sulla figura della scienziata.

 

La Dea ferita
Autori:Werner Weick, Marilia Albanese
Regia Werner Weick
Produzione TSI - Televisione Svizzera Italiana, Svizzera 1999, 56 minuti



Vandana Shiva


La Dea ferita è Durga, divinità indiana che rappresenta la natura, "potenza femminile capace di distruggere e rigenerare l'universo", e anche tutte le donne indiane. Dà loro voce Vandana Shiva, che racconta il suo impegno quotidiano, politico ed esistenziale, contro "la violenza della seconda rivoluzione verde", il neo colonialismo delle multinazionali e la bio-pirateria, e per la salvaguardia della bio-diversità e dei semi naturali indiani.

Modalità di richiesta dei filmati

I film sono ceduti gratuitamente dall’ Università degli Studi di Milano, ma possono essere richiesti solo da Enti e Istituzioni nel contesto di conferenze, congressi e similari. Non è consentita la richiesta da parte di privati, ne´in casi in cui trattasi di proiezioni a pagamento. Per motivi di copyright i DVD non possono essere spediti, ma devono essere accompagnati.

Condizioni per l’utilizzo dei filmati

Il materiale della rassegna è coperto dal copyright internazionale (Legge 22-4-41 n. 633 - Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio -Articolo 171-ter). L’utilizzo è concesso solo all'interno di eventi e con modalità che soddisfano alle seguenti condizioni:

1. Ne è vietata la riproduzione sotto qualsiasi forma e su qualsiasi supporto

2. L ’uso è limitato strettamente alla manifestazione per la quale è stato concesso

3. Il titolo della rassegna non può essere diverso da “Vedere la Scienza - Sguardi sulle donne di scienza

4. I comunicati stampa e il materiale informativo, elettronico e cartaceo, devono riportare il logo della rassegna

5. Si richiede la presenza di una persona delegata della rassegna, rimborsata delle eventuali spese vive di missione

Informazioni e richieste:

infosguardi@fastwebnet.it

22-07-2011